Circolo Socio Culturale Forsempronese


Chi siamo

Home
Chi siamo
Attività
Rassegna stampa
Commenti
Link utili


Origini del Circolo, Statuto e Organi

 

 Storia                                                                                       

Il Circolo Socio - Culturale forsempronese è un'associazione di promozione sociale, apolitica e senza fini di lucro, costituita da uno gruppo di cittadini che, animati da valori condivisi, intendono perseguire le finalità specifiche previste nell'apposito statuto, a favore degli associati e di terzi, nel pieno rispetto della loro libertà e dignità .

Dette finalità saranno perseguite attraverso l'organizzazione di  riunioni, convegni, manifestazioni di carattere culturale e dibattiti su problemi di attualità; attraverso l'organizzazione di  viaggi di istruzione e ricreativi; attraverso  il dialogo costruttivo e sereno e frequenti incontri nella sede sociale, il coinvolgimento di studenti volonterosi, la riscoperta e l'approfondimento della storia, delle tradizioni e della cultura economica ed artistica locale.

 

 Statuto                                                                                    

STATUTO
allegato all'atto costitutivo registrato presso l'A.delle E.

di Fano il 18.3.2010 n.563, serie 3

Art.1

E' costituita in Fossombrone, ai sensi dell’art.36 e segg. del c.c. e della L.383/2000, un'associazione di promozione sociale apolitica e senza fini di lucro, denominata "CIRCOLO SOCIO - CULTURALE FORSEMPRONESE".

Art.2

L’Associazione con l’apporto di tutti i soci, si propone:   1) di approfondire  la conoscenza della situazione culturale, sociale, economica e politica della città, della regione e del paese, 2) di occupare costruttivamente il tempo libero, 3) di migliorare le condizioni del vivere insieme.

Art.3

L'Associazione, intende perseguire gli scopi di cui al precedente articolo 2: 1) promuovendo riunioni, convegni, manifestazioni di carattere culturale e dibattiti su problemi di attualità, 2) organizzando  viaggi di istruzione e ricreativi, 3) facilitando la partecipazione dei Soci a manifestazioni culturali organizzate da altri Enti, 4) favorendo la riscoperta dell'amicizia attraverso il dialogo costruttivo e sereno e attraverso frequenti incontri nella sede sociale.

Art.4

Sono organi dell’Associazione: l’Assemblea dei Soci, il Consiglio Direttivo, il Presidente.

Art.5

L' Assemblea ordinaria si riunisce, su convocazione del Presidente, nel mese di gennaio di ogni anno: 1) per ascoltare la relazione del Presidente sull'attività svolta dall'Associazione, 2) per approvare il rendiconto economico e finanziario dell'anno, redatto dal Tesoriere, 3) per proporre, suggerire e discutere i programmi di massima dell'anno successivo, 4) per eleggere il Consiglio Direttivo mediante votazione a scrutinio segreto.
Ciascun Socio maggiorenne ha diritto al voto e può esprimere un massimo di cinque preferenze. Le assemblee Straordinarie possono essere convocate sia dal Presidente che da almeno i 2/3 dei componenti il Consiglio Direttivo. Le Assemblee sia Ordinarie che Straordinarie devono essere indette mediante comunicazione scritta o e-mail, a tutti i Soci. Le Assemblee sono ritenute valide in prima convocazione se è presente almeno la metà più uno dei Soci; in seconda convocazione qualunque sia il numero dei Soci presenti. Esse deliberano a maggioranza assoluta dei voti nel primo caso, a maggioranza relativa nel secondo. E' considerato presente e votante anche il Socio che ha delegato per iscritto un altro Socio a rappresentarlo; ogni Socio comunque può essere portatore di una sola delega. Le votazioni, ad eccezione di quanto previsto per il punto 4), sono effettuate, di norma, per alzata di mano e le decisioni assunte, vengono annotate in apposito verbale a cura del segretario designato dal Presidente.

Art.6

Il Consiglio direttivo è composto da nove membri (Presidente, Vice presidente, Tesoriere e sei Consiglieri). Ad esso spetta l’esecuzione delle deliberazioni assunte dall’Assemblea, la gestione pratica di tutte le attività dirette al raggiungimento dello scopo sociale, l’elezione, nel suo seno, del Presidente e del Vice Presidente, la distribuzione delle cariche sociali e la nomina di due sindaci revisori dei conti scelti tra i Soci non componenti del Consiglio. E' coadiuvato, per la redazione dei verbali delle singole riunione, dal Segretario nominato dal Presidente.

Art.7

Il Presidente presiede le Assemblee sia Ordinarie che Straordinarie dei Soci; convoca il Comitato Direttivo, anche con semplice comunicazione verbale, almeno sei volte all'anno ed in collaborazione con gli altri membri del Direttivo; cura lo svolgimento ed il coordinamento delle attività programmate, nomina il Segretario che dovrà assisterlo nella redazione dei verbali delle Assemblee e del Direttivo; rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti di terzi e in giudizio.

Articolo 7 bis

Il Direttivo può conferire la carica di Presidente Onorario ad un Socio che abbia ricoperto la carica di Presidente per almeno dieci anni, anche non consecutivi.

Il Presidente Onorario può partecipare alle riunioni del Direttivo e ha diritto di voto.

La carica di Presidente Onorario decade se viene nominato Presidente e può essere  revocata su decisione del Direttivo.” (Dir.del 29.3.2012)

Art.8

Le decisioni del Consiglio Direttivo vengono prese a maggioranza con la partecipazione di almeno cinque dei suoi componenti. In caso di parità di voti, prevale il voto di chi presiede la riunione. Nel conteggio non vengono prese in considerazione le eventuali astensioni dal voto. Nelle votazioni a scrutinio segreto le schede bianche non sono conteggiate; in caso di parità di voti espressi, la votazione è ritenuta nulla. In ogni caso le votazioni sono ritenute valide con almeno tre voti espressi.

Art.9

L'iscrizione al Circolo avviene su proposta scritta di almeno due soci. Il Consiglio Direttivo decide a maggioranza dell'iscrizione con votazione a scrutinio segreto. L'appartenenza al Circolo, che diventa effettiva con il versamento della quota sociale, comporta la partecipazione dei soci alla vita associativa con pari diritti e doveri e senza limitazioni temporali, l'accettazione dei principi ispiratori, delle finalità dell'Associazione e delle norme del presente Statuto.

Art.10

La quota sociale è nominativa, non trasmissibile e non rimborsabile. La sua entità viene stabilita annualmente, per la misura minima, a cura del Consiglio Direttivo. Il pagamento deve avvenire di norma in unica soluzione; può comunque essere effettuato in un massimo di due rate semestrali anticipate, scadenti il 31 gennaio la prima ed il 31 luglio la seconda. Il Socio moroso verrà avvertito per lettera; dopo un anno di morosità verrà considerato decaduto.

Art.11

Il patrimonio sociale del circolo, composto da tutti i cespiti ad esso pervenuti a qualsiasi titolo, è indivisibile durante il periodo della sua esistenza. In caso di scioglimento, dovrà essere trasferito ad altra associazione od ente che persegua fini analoghi o di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge. E’ vietato distribuire direttamente o indirettamente utili e avanzi di gestione, fondi, riserve o capitale, salvo i casi imposti dalla legge.

Art.12

La durata della vita del Circolo è fissata a tempo indeterminato. La sua messa in stato di liquidazione e la devoluzione del patrimonio posseduto, come ogni modifica al presente Statuto, sono riservate alla competenza esclusiva dell’Assemblea Generale ordinaria o straordinaria.

                     

 

 Organi                                                                        

IL Presidente
L'Assemblea dei soci

Il Consiglio Direttivo
 

Membri del Consiglio direttivo per l'anno 2012:


CHIAVARELLI  Luigi     - Presidente

GIROLOMONI Alberto - Vice Presidente

BASILI Vincenzo           - Consigliere

CESARINI Adalberto    - ""

ERCOLANI Anna Rosa  - ""

MANCINI Alba                - ""

MASSI Paolo                   - "" Tesoriere

PIERLEONI Andrea       - ""
MEZZANOTTI Maurizio  - ""

 

FRANCINI Luciano         - Presidente onorario
(Dir.del 3.5.2012)

 

Membri del Consiglio direttivo per l'anno 2011
Francini    - presidente

Chiavarelli - vice presidente
Massi       - tesoriere
Cesarini    - consigliere
Basili       - ""
Allegretti   - ""
Girolomoni - ""

Ercolani     - ""

Stellacci    - ""

Agostini     - segretario

 

 Regolamenti                                                              

REGOLAMENTO utilizzo Sede sociale
(Dir. del 3.5.2012) -
Testo

 

 Logo                                                                        

Foto Gruppo Biancini (Fossombrone)

Le tre figure femminili rappresentate sono le tre figlie di Zeus (Aglaia, Eufrosine e Talia), che in genere accompagnano Venere. Esse simboleggiano lo splendore, la gioia e la prosperità. Sono cinte da un velo a rafforzare il senso di unione dettato dall'abbraccio della figura centrale del gruppo.
 

(Foto ricavata dall'opera del Biancini sita all'interno della quadreria Cesarini di Fossombrone)

 

I soci con l'ex Presidente Ciampi
 

 

 

Circolo Socio Culturale
Forsempronese

Via Cavallotti, 24
 61034 Fossombrone
(PU)

Cf: 90038170412


E.Mail: cscfos@libero.it

Tel: 0721726105
 
 

 

 
 
 
 

Sito attivo dall'11.01.2010
visitatori:
 
Ultimo aggiornamento: 28-01-13